NOSTRI CUCCIOLI

 

TUTTO  SULL’ADOZIONE DEL CUCCIOLO…

SCELTA DEL NOME

Il nome del cucciolo.

Quando il cucciolo arriva a casa di solito ha già un nome e un cognome, questo è un particolare molto importante perché ci fornisce molte informazioni sulla sua origine e sulla sua storia, ci indica di chi è figlio, nipote, pronipote….e chi sono i suoi allevatori.27840518rottanim-gif

Il nome l’hanno scelto gli allevatori e inizia con la lettera dell’alfabeto che si riferisce alla cucciolata, il cognome è l’affisso con cui l’Ente della Cinofilia Nazionale (ENCI) e Internazionale (FCI) ha riconosciuto l’allevamento.

Ad esempio il nome Iago dei Monti di Luna nato nel 2015 fornisce le seguenti indicazioni:

  • è un rottweiler
  • è figlio di Chris delle Corti Antiche e Kaos della Rocca Medicea
  • è nato a casa di Voleri Riccardo.

E’ chiaro che già il nome è una garanzia sulla provenienza del cucciolo e sulla rintracciabilità dell’allevatore.

Di solito io chiedo alla nuova famiglia di non cambiare nome ma capisco chi preferisce dare al cucciolo il nome che più gli piace perché a volte l’ho fatto anch’io, anzi mia moglie!

Nel caso in cui si decida di cambiare nome, a mio avviso non ci sono regole da seguire, il nome deve essere quello che affettivamente ci coinvolge di più!

E’ molto importante ricordare sempre il vero nome del cane e utilizzarlo in tutti i documenti ufficiali: anagrafe canina, passaporto, esposizioni….

Qualche consiglio? E’ interessante il libro: ”Che nome dare al tuo cane”di Florence Desachy Devecchi Editore… …oppure se volete qualche buona idea consultate l’elenco che segue…

Nomi per Cani Maschi Nomi per Cani Femmine
Aaron Abram Acer Achille Adelchi Alec Ahmik Akamu Alton Amos Aragon Aramis Arrigo Artù Asterix Astro Atreo Attila Axel AzulBaffo Baldo Baloo Barolo Barret Barù Basco Biagio Biscotto Blaster Blues Bomba Boogie Boris Brenno Brutus Brigante Buck Bunter ByronCachito Caleb Carlos Cash Casper Cassian Cassius Catullo Celtic Cesare Chanson Chayton Cherif Chester Chivas Chucky Ciak Cincin Cletus Clint Cocain Cody Cognac Colt Conan Confucio Connor CorsaroDablo Dakota Dalì Damon Dante Dedo Denar Derbi Devesh Devil Dexter Dickens Diego Diuk Doc Dollar Duncan Dusky Dyami DylanEasy Ebano Ector Eden Egon Elfo Eliot Elvis Enea Eragon Ermes Eros Etabeta Ettore EuroFalco Fantom Fedele Feo Ferro Fico Fidel Figaro Filander Florian Floyd Folk Freedom Frizzi Frodo Fuente FusteGad Galax Gandalf Gascon Gaucho Geronimo Giant Giotto Giove Girish Giuba Glace Gomez Gordon Gringos Guitar Guss GustavHachiko Hakan Happy Harley Harlock Hector Helki Honey Hugo HulkIago Ian Icarus Iceberg Idefix Idro Illy Imperatore Indian Irvin ItacoJack Jackpot Jafar Jago Jamal Jason Jazz Jeff Jester JulianKaleo Kaiman Kam Kangee Kansas Kele Kelvin Kent Kilian Kobe KojakLaio Lampo Lancelot Lapo Lapso Lennox Leon Leopold Lester Lex Lillo Lindo Linus Lobo Lord Lothar Lotus Love Lukas LupinMac Macho Makya Malik Mambo Manfred Manolo Marlon Marvin Mastino Merlin Milo Milton Moki Morris Mosca MosèNeo Natan Napoleone Nawat Nelson Nemo Nilo Nobel Noshi Numa Oliver Omero Oregon Orfeo Orion Oscar Ossian Otello Owen Ozzy Paddy Papel Pascal Patwin Pedro Pepe Pilar Poison Poncho Pongo Rambo Ramon Raul Rayo Red Reginald River Rollo Roscoe Rufus Samir Sapo Sasha Sax Scott Scudo Sherman Skah Spank Spud Taima Tal vez Tango Taxi Thor Tito Tobia Trigo Tunì Tycho Tyson Ubert Ufo Ugo Ulisse Ulric Uragano Uranio Urbano Urlo User Valdo Valiant Varenne Vasco Victor Vigo Vikas Viper Vladimir Vulcano Wagner Walker Wapi Watson Will Wind Wolf Woody Woodstock Wright Xavier Xavior Xeno Xero Xoros Xondro Yago Yale York Yukon Zak Zander Zelig Zeph Zero Ziven Zoom Zor Zorland Zubin Abey Abigail Ada Achea Aida Akemi Akira Alaska Alma Alyssa Amada Amelia Anja Aponi Arlena Artemide Aspa Astrid Aura AxilaBagheera Balma Bea Belinda Belle Berta Beverly Beta Betti Bimba Bice Bocha Bonnie Brenda Brigitta Brittany Brogan Brook Brunilde BrunillaCabeza Cake California Calypsa Camelia Candy Carol Carolita Cassandra Castalia Catinka Cayenne Chantal Cheope Chepi Chica Chimera Cicely Cika Cleopatra Coda Connie Contessa Cream Cris Cruz Cuba CuccaDaffy Dafne Daisy Dakar Dallas Dana Dea Demetra Didone Dinasty Diosa Diva Doga Dolcezza Doli Dora Dorotea Dukesse Dulcinea DunaEcho Edith Eika Elektra Ella Elly Eloise Emilia Espalda Esse Estè Estelle Eureka Eve EvitaFabia Fabula Faith Fanny Fata Fanta Febe Fiamma Fiona Flaca Flo Flora Florida Foglia Frida Fujico FunnyGaia Galatea Gemma Ghia Gilda Ginger Ginny Gioconda Gitana Giunone Gladys Glenda Glory Goldie Greta Gruta Guendalina GwenHaga Halia Harmonie Hawaii Heidi Hella Histoire Hillery Holy HulaIaia Ibiza Imala Iman Imma Inez Iole Isi Itaca Iva IvyJade Jamaica Jamba Jamila Jaquelyne Jenna Jola Joy July JunaKaja Kaliska Kara Karina Kimba Kimi Kin Kira Koko Kora KretaLaika Laila Lalita Lamara Lana Lassie Lea Leila Lexa Lindana Lira Liuba Lizzy Lola Lolita Luce Ludmilla Lulù Luna LuviMabel Macy Mafalda Maga Magena Malka Mani Margot Meda Mela Melinda Melody Mika Mila Mimose Moca MurielNala Namid Naomi Nebraska Nelly Neva Nikita Nita Nora Nube Odessa Ofelia Olga Olivia Olympia Omnia Ondina Orietta Ortiga Oxana Paloma Paprika Pati Paz Peggy Petra Phoebe Pollon Pua Pupilla Rachel Ramona Raisa Rea Rhoda Riva Rose Roxie Rozene Runa Saba Salud Sandia Saura Sberla Scarlet Selby Shada Shima Soyala Tabata Tala Tami Taylor Tesis Thekla Thelma Tiara Tiffany Tower Trudy Ulla Uliana Uganda Uma Unique Unity Urania Ursella Ursula Uzma Vanille Vega Velania Venus Verbena Vicky Vida Viola Vinny Virgola Waika Waikita Wanda Wanika Week Wendy Wilma Winky Winona Wonderful Xantia Xara Xaviera Xena Xenia Xylia Yasmin Yepa Yira Yuki Zaira Zara Zavanna Zelda Zhen Zinnia Ziva Zoe Zola Zuma
ALIMENTAZIONE DEL CUCCIOLO


cane_osso

Quando il cucciolo entra nella nuova famiglia, è già completamente svezzato cioè non si alimenta più con il latte materno (lo svezzamento inizia a venticinque/trenta giorni e si completa intorno ai quaranta giorni).

L’allevatore fornisce il nuovo proprietario del mangime che usa con la cucciolata e stabilisce le dosi che il soggetto deve assumere durante la giornata, gradualmente il cucciolo sarà abituato al tipo di alimentazione che la nuova famiglia ritiene più opportuno.

IMPORTANTE CHE IL CUCCIOLO COME IL CANE ADULTO  ABBIA SEMPRE ACQUA FRESCA DA BERE.IMG_3966

Per un’alimentazione corretta ed equilibrata, bisogna tenere conto principalmente che il cane appartiene alla famiglia dei CARNIVORI  (anche se nella vita moderna e’ diventato onnivoro) quindi non è possibile imporgli una dieta vegetariana o addirittura vegana (stili alimentari possibili solo per onnivori).

Come tutti i carnivori ha bisogno di vegetali, ma ha difficoltà nel digerirli e assimilarli, il leone ad esempio, le prime parti che mangia di una zebra sono lo stomaco e l’intestino dove può trovare vegetali già digeriti ricchi di sali minerali, vitamine….

L’alimento principale nella dieta del nostro cane dovrà essere la carne preferibilmente quella bianca, o il pesce con aggiunta di cereali, verdure molto cotte e finemente tritate.

Bisogna prima di tutto scegliere se adottare un’alimentazione casalinga o commerciale.

Quando io e mia moglie abbiamo iniziato  ad avere le prime cucciolate, la preparazione del pasto per cuccioli e fattrice era un compito che richiedeva molto tempo e ricerche approfondite, perchè adottavamo un’alimentazione casalinga.

Per l’alimentazione casalinga,  bisogna scegliere carne di buona qualità. Quindi niente scarti alimentari fatti solamente di tendini, tessuto connettivo e grasso ,  molti per risparmiare prendono il polmone: ebbene, sappiate che è fatto principalmente di connettivo, quindi di elementi nutritivi ne ha pochissimi.

Scegliete tagli di carne di buona qualità, normalmente si predilige il pollo o il vitello (a meno che non ci siano particolari problemi di intolleranze o allergie, nel qual caso con il vostro veterinario deciderete quale sia la fonte proteica migliore per il vostro cane).

La carne va somministrata bollita o ai ferri: niente condimenti, niente sale, niente sughi.

Se somministrate del pesce, anche questo dovrà essere privo di condimento e senza lische.

A questa andrà aggiunta della pasta stracotta, anche qui senza sale e condimenti e delle carote e delle zucchine lesse, il tutto frullato insieme.

Una volta alla settimana si può aggiungere un pezzo di mozzarella, adattato alla taglia del cane e qualche pezzetto di uovo sodo. E basta.

Niente prosciutto cotto, salumi, dolci  o altre cose simili.

Questo tipo di alimentazione (la casalinga) la sconsiglio   perchè, essendo cuccioli che devono crescere molto nel giro di poco tempo, è molto facile compiere degli errori alimentari (dosi sbagliate di vitamine e proteine calcio) che si ripercuotono poi sulla loro crescita fisica.

Oggi per fortuna esistono in commercio mangimi secchi di eccellente qualità, ben bilanciati pienamente digeribili e ricchi d’integratori alimentari che fanno crescere i nostri cuccioli in piena salute.

Noi consigliamo di utilizzare questi prodotti, ma di tenere il peso sempre controllato,  nei primi mesi di vita è importante portare spesso il cucciolo dal veterinario, per fargli vedere come cresce.

Se ci si accorge che la crescita è troppo spinta la dieta deve essere alleggerita,  perché un cucciolo obeso sarà un cane adulto malato!

(vedi la tabella relativa all’aumento di peso normale di un cucciolo si rottweiler nei primi 9 mesi)

cucciolo

Per quanto riguarda il numero di pasti, consiglio sempre pasti piccoli e frequenti, 3 – 4  volte al giorno: man mano che cresce sarà il cucciolo a diminuire il numero di pasti, fino ad arrivare a 2 pasti da adulto.

Le dosi consigliate sono personalizzate in base alla razza alla corporatura al peso  e al tipo di attività che il cucciolo compie se e’ sedentario , vivace o molto vivace, comunque per un cucciolo sano le tabelle delle dosi sono riportate sulle confezioni dei vari prodotti di mangimi secchi di eccellente qualità in commercio nei migliori negozi.

La composizione tipica di questi prodotti per cuccioli è generalmente la seguente:

COMPOSIZIONE: proteine di pollame disidratate, riso, grassi animali, mais, proteine vegetali isolate*, polpa di barbabietola, idrolizzato di proteine animali, sali minerali, olio di soia, olio di pesce, fibre vegetali, frutto-oligosaccaridi, idrolizzato di lieviti (fonte di mannano-oligosaccaridi), estratto di fiore di Tagete (fonte di luteina).

ADDITIVI (per kg): Additivi nutrizionali: Vitamina A: 28000 UI, Vitamina D3: 700 UI, E1 (Ferro): 48 mg, E2 (Iodio): 4,8 mg, E4 (Rame): 9 mg, E5 (Manganese): 62 mg, E6 (Zinco): 187 mg, E8 (Selenio): 0,11 mg – Additivi tecnologici: Trifosfato di pentasodio: 3,5 g – Conservanti – Antiossidanti.

COMPONENTI ANALITICI: Proteina grezza: 30% – Oli e grassi grezzi: 20% – Ceneri grezze: 6,6% – Fibra grezza: 2%. .

*L.I.P.: a basso contenuto di proteine indigeribili.

COME SOMMINISTRARE I PASTI AI CUCCIOLI

Ecco qualche consiglio su come somministrare i pasti al cucciolo: (da www.petsblog.it)

    • si prepara la pappa e la si dà al cucciolo quando il cane è calmo e seduto, non quando ci salta eccitato in testa. Aspettate con la ciotola senza parlargli (aumentereste la sua eccitazione), mantenendo un’espressione neutra fino a quando non si calma. A questo punto posate la ciotola e andate via. Mai rimanere col cucciolo fino a quando non ha finito di mangiare: si abitua e poi pretenderà che stiate con lui fino a quando non ha finito anche da adulto
    • la ciotola dell’acqua deve essere sempre lasciata a disposizione del cane, piena di acqua fresca e pulita, anche se sembra che non beva
    • la ciotola del cibo non va lasciata sempre a disposizione, è un fattore diseducativo per il cane. Avendo sempre la ciotola a disposizione, il cane capisce di avere il controllo sul cibo, ma dovete essere voi a controllare al 100% cosa mangia e quando mangia. Gli date la ciotola, gli date tempo 10-15 minuti, poi tornate e la portate via, che abbia mangiato o meno. A questo punto essendo dei cuccioli, dopo due ore gliela riproponete, con le medesime tecniche di cui sopra: ad un certo punto il cane capirà che gli conviene mangiare quando voi gliene date. Questo non è per cattiveria: è solo per evitare grane ai proprietari. Avete idee di quanti arrivino disperati con il cane che non mangia questo, non vuole quell’altro, mangia solo se imboccato, mangia solo in presenza di quella persona: se non volete una vita del genere per voi e per il vostro cane, allora conviene educare bene il cucciolo fin da piccolo
    • non dare cibi fuori pasto al cane. Soprattutto in cani che fanno difficoltà a mangiare i cibi che gli proponete, il metodo migliore per tirarvi la zappa sui piedi è quello di dire: ‘Oh poverino, non hai mangiato la tua ciotola di pappa? Avrai fame, aspetta che ti do un biscottino’. E’ ovvio che il cane non aspettava che quello: se sa che se fa un po’ di capricci avrà da mangiare qualcosa di più buono, chi glielo fa fare a mangiare quelle tristi e secche crocchette?
    • Proprio nel caso in cui al cucciolo non piacciano le crocchette, è possibileinsaporirle o con una cucchiaiata di scatoletta o di pollo lesso. Non facciamogli però assaggiare il nostro cibo: se capisce che al mondo esistono cose più buone dalle crocchette, non le mangerà più
    • Non saltellate da una marca all’altra o da un gusto all’altro: il concetto di variare continuamente la dieta è tutto umano. O di cani non educati correttamente fin da cuccioli. Il problema è che il cane è molto abitudinario: cambiando continuamente marche o gusti, si rischia di predisporli allo sviluppo di patologie gastroenteriche.
INSEGNARE AI CUCCIOLI A NON SPORCARE

L’espletamento dei bisogni fisiologici è una delle funzioni più importanti da tenere sotto controllo, attraverso l’osservazione delle feci e dell’urina, possiamo controllare la salute del nostro cane e prevenire gravi patologie.

Quando arriva un cucciolo però, “pipì e cacca” diventano un bel problema!Resize of 5

Per prima cosa dobbiamo decidere quale sarà il posto giusto dove il nostro cane potrà sporcare senza darci fastidio.

Per i cani di piccola taglia ci sono in commercio dei tappetini assorbenti che possiamo disporre in un angolo della casa, per i più grandi ci sarà il giardino.

Ma… come convincerli?

Se osserviamo il cane quando fa i suoi bisognini, ci accorgiamo che la posizione che assume è particolare: in quel momento è vulnerabile, non può difendersi da un’eventuale minaccia, per questo il suo istinto lo induce a svolgere questo compito nel posto in cui si sente più sicuro.

E’ chiaro che il posto più sicuro per un cucciolo è la casa e in casa proprio il punto in cui il suo amico uomo passa più frequentemente.

Accadrà spesso che dopo lunghe passeggiate all’aperto, il cucciolo farà pipì o popò appena rientrato in casa.

Abbiamo scoperto che il nostro cucciolo fa i bisogni proprio lì, perché lì si sente sicuro.

E’ necessario avere pazienza le cose miglioreranno con l’acquisizione di nuove conoscenze e punti riferimento.

Intanto possiamo accompagnare il nostro amico fuori o sul tappetino, la mattina appena sveglio, dopo ogni pasto, dopo che ha bevuto,  la sera prima di andare a dormire.

Se in casa possiamo bagnare il tappetino con un po’ di pipì  recuperata dalla volta precedente oppure con degli attrattivi che si trovano nei negozi specializzati.

Fuori cerchiamo di portarlo sempre nel solito angolino.

Ogni volta che farà i propri bisogni nel posto giusto, andrà premiato con un bel: BRAVO! 

La prima cosa che bisogna sapere è che, così come un neonato, anche il cucciolo non ha la capacità di trattenersi.

L’evacuazione è un comportamento indispensabile e naturale, per questo motivo sgridare o punire il cane, quando la fa’ sul pavimento può generare in lui solo molta confusione.

E’ bene tener presente che spingere il muso del cucciolo nelle proprie urine, picchiarlo o utilizzare un giornale arrotolato per spaventarlo non solo non farà ottenere dei risultati, ma porterà solo il cane a diffidare del proprietario.

Inoltre non serve a niente urlargli contro se non lo si coglie sul fatto.

ALCUNI RIMEDI NATURALI PER I PROBLEMI FISIOLOGICI …

rimedi_della_nonna_banner

 

Salve a tutti sono Mavita Lucarini (moglie di Riccardo) questi che vi suggerisco sono alcuni “ rimedi” naturali che mi sono stati tramandati da vecchi allevatori e veterinari che ho conosciuto durante la mia lunga avventura nel mondo della cinofilia.

  • Il mio cane è in diarrea

Le cause scatenanti di questo problema possono essere diverse e nel cucciolo sono sempre piuttosto gravi, quindi è bene rivolgersi a un veterinario di fiducia, ma per dare un aiutino provate ad alimentare per un breve periodo il vostro cane con: patate lesse ben sciacquate, e merluzzo diliscato e bollito, le dosi cambiano secondo la taglia del cane ma diciamo che devono essere piuttosto abbondanti.

  • Il mio cane non riesce a defecare, le feci sono troppo dure

Consultato il veterinario, un aiutino si può dare alimentando il cane con un po’ di mollica di pane ammollata in una bella dose di brodo di dado vegetale.

  • Il mio cane presenta allergie alimentari che non riesco a risolvere

Provate ad alimentarlo così: 300 g di polenta, 150 g di merluzzo diliscato o carne bianca, 50 g di mele sbucciate e senza noccioli, un cucchiaio di olio di semi di girasole (dosi giornaliere per un cane di taglia medio/ grande).

  • Il mio cane presenta eccessiva lacrimazione ed ha gli occhi arrossati.

Consultate il veterinario ma potete aiutarlo con impacchi di camomilla tiepida tre volte il giorno.

LE PRINCIPALI MALATTIE, LE VACCINAZIONI

articolo da  www.ilchirone.org

Animali - Cani (102)

– “NO !!! LA PUNTURA NOOO!!! VI PREGOOO!!!

Il ciclo della vaccinazione nel cucciolo del cane inizia a 5 – 8 settimane circa di età.

La vaccinazivaccino-cane-300x300one è l’unica forma preventiva per difendere gli animali da malattie virali altrimenti incurabili.
Il primo intervento riguarda i parassiti normalmente presenti nell’intestino del cucciolo: è raccomandato l’esame delle feci che deve essere eseguito da un veterinario.

Tra i possibili schemi di vaccinazioneviene solitamente adottato il seguente protocollo: tre interventi vaccinali vengono eseguiti a distanza di 21 giorni.
Il primo è un vaccino monovalente contro la Parvovirosi una malattia virale che si manifesta con vomito e grave diarrea sanguinolenta. I cuccioli muoiono per disidratazione e astenia in un qualsiasi momento della malattia;  gli altri sono vaccini pentavalenti per prevenire da:

  • Cimurrouna malattia virale molto contagiosa, con sintomi respiratori, febbre, diarrea, sintomi nervosi e morte
  • Leptospirosi una malattia batterica diffusa dai roditori, che danneggia reni e fegato, e può essere in alcuni casi contagiata all’uomo
  • Parainfluenza e Adenovirus Canino sono due malattie virali con gravi ripercussioni sull’apparato respiratorio.
  • Bordetella Bronchiseptica (Tosse dei canili); malattia batterica molto contagiosa a localizzazione respiratoria.

In caso di viaggi (regioni italiane di confine e isole, oltre che nel resto d’Europa), o di partecipazione a concorsi e mostre canine è necessariovaccinare contro la Rabbia. A norma di legge, la vaccinazione deve avvenire almeno un mese prima e l’animale deve essere accompagnato daun certificato sanitario rilasciato dall’ASL di residenza.

PIANO VACCINALE PER IL CUCCIOLO:

6-8 settimane Parvovirosi; Cimurro; Adenovirus CAV-2; Virus della Parainfluenza (solo se necessario)
10-12 settimane Parvovirosi; Cimurro; Adenovirus CAV-2; Leptospirosi;); Virus della Parainfluenza (solo se necessario)
14-16 settimane Parvovirosi; Cimurro; Adenovirus CAV-2; LeptospirosiRabbia (se necessario)
1 Anno dopo Parvovirosi; Cimurro; Adenovirus CAV-2; Leptospirosi; Virus della Parainfluenza (solo se necessario)
Da richiamare ogni ANNO Rabbia (se necessario)
Ogni 3 anni richiamare Parvovirosi; Cimurro; Adenovirus CAV-2; Virus della Parainfluenza (solo se necessario)

 

PIANO VACCINALE PER UN CANE CHE VIENE VACCINATO PER LA PRIMA VOLTA DA ADULTO:  

Tempo zero Parvovirosi; Cimurro; Adenovirus CAV-2; Leptospirosi;  Virus della Parainfluenza (solo se necessario)
3 settimane dopo Parvovirosi; Cimurro; Adenovirus CAV-2; Leptospirosi; Rabbia (se necessario); Virus della Parainfluenza (solo se necessario)
Da richiamare ogniANNO Rabbia (se necessario)
Ogni 3 annirichiamare Parvovirosi; Cimurro; Adenovirus CAV-2; Rabbia (se necessario); Virus della Parainfluenza (solo senecessario)

 

I CONSIGLI DI DAVIDE IL NOSTRO ADDESTRATORE

Salve a tutti mi chiamo Davide Lucarini e sono il responsabile dell’addestramento dei cani dell’Allevamento Monti di Luna, anche se sono giovanissimo, ho già una notevole esperienza in questo settore che ho consolidato recentemente con il Diploma Ufficiale ENCI di Addestratore Cinofilo.

davide lucarini

Davide Lucarini

Voglio dare dei consigli, spero utili,  ai neo proprietari di cuccioli di Rottweiler o Chihuahua…

L’addestramento del cucciolo è una fase tanto delicata quanto importante, è indispensabile sapere che i comportamenti e le abitudini di un cucciolo si ripresenteranno anche nel cane adulto, per cui bisogna chiederci come vorremo che il nostro amico peloso si comporti da grande.

L’impostazione del cucciolo si basa principalmente su cosa può fare e su cosa non può fare, sono i due aspetti fondamentali per il corretto sviluppo comportamentale.

Un cucciolo che arriva in una nuova famiglia si deve inserire in un nuovo “branco” , inizialmente sarà spaesato e a volte impaurito, dovrà trovare una nuova posizione nella scala gerarchica del branco e solitamente se la fase dello svezzamento è avvenuta correttamente non ci saranno particolari problemi, dovrete essere voi quindi a dargli la giusta posizione gerarchica all’interno delle famiglia.

Partendo dal presupposto che un cucciolo è per la maggior parte dei casi un” esserino” esagitato, iperattivo03 che masticherà e distruggerà qualsiasi cosa gli venga a tiro, bisogna da subito stabilire cosa può fare, dove può andare, i pasti, le uscite e quant’altro lo riguarda.

Dovrete essere voi a decidere tutte queste cose poiché siete il capobranco di questo nucleo, un esempio pratico può essere il caso in cui si permetta o no al cane di stare sul divano, sin da cucciolo bisogna fargli apprendere che lì non può stare, senza farsi intenerire da occhi dolci o pianti smielati!

Quando il cucciolo salirà sul divano bisognerà semplicemente accompagnarlo giù senza imposizioni troppo rudi o violente, essendo un cucciolo non sarà molto difficile convincerlo a scendere anche con qualche bocconcino.

Importantissima è la gratificazione che consegue a un suo comportamento corretto, se un cane è premiato immediatamente dopo aver fatto la cosa giusta, il comportamento positivo è rafforzato e sarà riproposto più probabilmente nel tempo. Il premio è la base dell’addestramento del cane!

Se invece ad esempio si vuole insegnare al cucciolo a fare i bisogni fuori di casa si dovrebbe portarlo fuori in periodi definiti nel tempo, ad esempio la mattina e la sera, cosicché il cucciolo si abitui a uscire in quel periodo, ovviamente per i primi giorni ci vorranno delle traverse assorbenti e la farà comunque in giro per casa, quindi preparatevi! Comunque  durante le uscite, quando farà i bisogni (le prime volte potrebbe non farli) premiatelo o gratificatelo con una carezza o un “bravo” così facendo acquisterà sicurezza e sempre più si abituerà a fare i propri bisogni fuori  casa.

Un concetto molto importante e che spero sia recepito con l’importanza che io gli attribuisco, è che rapportandosi con un cucciolo o con un cane in generale è necessario essere consapevoli di che cosa è un cane; un animale che purtroppo, o per fortuna, non capisce cosa gli diciamo e non può parlare per farsi comprendere, che ha però una vastissima e variegata quantità di altri modi per rapportarsi a noi.

Spesso molti suoi comportamenti sono fraintesi e si creano situazioni di disagio e d’incomprensione.

Un cane è un essere molto empatico che percepisce gli stati d’animo e reagisce ad essi per quello che sono in realtà, non mentirete mai ad un cane!

E’ molto importante rapportarsi al nostro amico a quattro zampe sempre in maniera tranquilla e cercando di captare i segnali che lui ci manda.

Un cane deve portare rispetto al proprio leader, non deve averne paura.

Per iniziare ad addestrare il nostro cucciolo è necessario premiare e gratificare i comportamenti e gli atteggiamenti positivi che vorremmo anche nel cane adulto e punire, sempre in maniera dolce senza però mai perdere la fermezza (un sorriso potrebbe tradirvi e rovinare tutto) con un semplice”no” secco, espresso con tono grave o con un” buffetto” sul naso o sulla natica.

Sperò di essere stato abbastanza esauriente e buona fortuna per la vostra nuova avventura!

Davide Lucarini

Allevamento Monti di Luna

COME EVITARE CHE I CUCCIOLI FACCIANO DANNI

 

Salve a tutti mi chiamo Davide Lucarini e sono il responsabile dell’addestramento dei cani dell’Allevamento Monti di Luna, anche se sono giovanissimo, ho già una notevole esperienza in questo settore che ho consolidato recentemente con il Diploma Ufficiale ENCI di Addestratore Cinofilo.  Volevo dare dei consigli utili ai neo proprietari di Rottweiler e Chihuahua.

davide lucarini

Davide Lucarini

 

Evitare che i cuccioli facciano danni non è una cosa semplice ed è per lo più un’azione preventiva.

Una volta presa l’importante decisione di accogliere nel nostro nucleo un nuovo membro, dovremmo prendere in considerazione tutto quello che ciò comporta, i cuccioli, salvo casi di problemi a livello caratteriale, sono dei piccoli esserini incontenibili ed è quindi certo che faranno cose che potrebbero essere dannose e pericolose.

E’ importante principalmente attuare un’operazione preventiva:

il primo periodo sarà quello più “pericoloso” perché il cucciolo si troverà inserito in un nuovo ambiente con cose nuove da conoscere e assaggiare! E’ fondamentale impedire che possa arrivare a eventuali cavi elettrici, mobili troppo bassi, posti dove è difficile pulire con cura e dove potrebbero esserci pezzi di vetro o di plastica che sarebbero ingeriti con conseguenze pericolose.

Per quanto riguarda gambi di tavoli, altri mobili e qualsiasi cosa di legno o di un altro materiale rosicchiabile, la miglior opzione è di passare il più tempo possibile con il cucciolo impedendogli fisicamente di compiere il misfatto, cosi facendo gli s’insegna cosa non deve fare, risparmiando un  po’ di mobili rosicchiati…

In alternativa, se proprio non si riesce a passare tutto il tempo necessario con il cucciolo, si possono mettere in sicurezza eventuali bersagli, ricoprendoli con del materiale duro, impedendo così di rovinarli, ad esempio si possono usare delle bottiglie di plastica adeguatamente aperte e messe intorno ai gambi di un tavolo o di una sedia.

Problemi di “vandalismo” possono sussistere anche derivanti da disturbi psico-fisici, come ad esempio l’ansia da separazione, che può essere correlata da un’iperattività sia fisica sia mentale.hunde24

Un cucciolo affetto da ansia da separazione, perché non adeguatamente abituato a essere lasciato solo, può passare dall’ululare disperato tutto il giorno, al distruggere tutta la casa, importante è quindi abituarlo a questo inevitabile avvenimento.

Il problema si crea quando il cucciolo, giacché voi uscite da casa, non sa come comportarsi, ed è uno shock al quale non sa reagire, andando cosi in “tilt” e facendo uso dei soli comportamenti che conosce ovvero abbaiare, fare i bisogni, e rosicare ciò che trova.

Uno dei modi per abituarlo a questa separazione è di dargli un punto di riferimento che lui possa usare come “faro di speranza” durante la vostra assenza.

Un modo per migliorare la situazione potrebbe essere quello di mettere un oggetto particolarmente visibile dal cucciolo, come una sedia, facendoci notare e poi uscire per una manciata di secondi, il tempo che il cucciolo farà il collegamento fra la sedia da voi, messa in bella vista e la vostra uscita, facendo questo esercizio e aumentando gradualmente il tempo di uscita, il cucciolo avrà un punto di riferimento che starà a significare la vostra uscita ma anche un vostro rientro certo, impedendogli così di finire in quello stato di ansia causato dallo shock della separazione e soprattutto impedendogli di distruggere la casa e assordare i vicini con latrati strazianti.

Una considerazione finale importante è che un cucciolo a livello cognitivo è al pari di un bambino di pochi mesi, quindi vitale è la vostra presenza.  Come un bambino va seguito e abituato a tutte le situazioni e a tutti gli ambienti e contesti possibili, come un bambino va anche educato. Non mi stancherò mai di ricordare che un cucciolo diventerà un cane adulto che manterrà tutto quello che ha imparato nel delicato periodo di sviluppo fisico e mentale, quindi la cosa importantissima è avere buon senso e un minimo di consapevolezza su cosa sia un cane.

Con questo chiudo il capitolo alla prossima!

Davide Lucarini

Allevamento Monti di Luna

IL PRIMO COLLARINO O PETTORINA

Collare  o Pettorina questo  è il problema … dubbio amletico …

Direi sì a tutti e due anzi a tutti e tre perché di pettorine ce ne sono di due tipi (imbracatura che prende la parte bassa del collo e la pancia, oppure che prende la pancia e le zampe anteriori).guinzaglio4-300x212

Quello che fa la differenza è come sono confezionati:

– il materiale (tessuto o pelle) deve essere morbido e di buona qualità;

– i laccetti non devono essere troppo sottili, larghi almeno un centimetro;

– le chiusure devono essere sicure ma non troppo sporgenti;

– una volta indossati tra la pelle del cane e i laccetti deve passare un dito.

Detto questo, ci possono essere diversi motivi per scegliere il collare piuttosto che la pettorina o viceversa per esempio nel cucciolo spesso si usa la pettorina perché si sente più libero e cammina più volentieri.

Ci sono alcune controindicazioni da tenere presenti: un cane che tende a tirare troppo il guinzaglio e porta un collare rischia un’infiammazione della trachea, quindi per quel soggetto è più indicata la pettorina, del resto la pettorina che prende le zampe può provocare una scorretta deambulazione (il cane tende ad allargare i gomiti).

Io ho abituato i miei chihuahua a indossare volentieri sia collare sia pettorina e li alterno.

E’ molto importante sapere che questi utili strumenti servono per gestire il cane quando è a passeggio, non si devono MAI lasciare quando il cane è solo perché potrebbe restare agganciato accidentalmente e soffocare.

Inoltre i laccetti se tenuti per lunghi periodi possono sciupare il pelo e addirittura la pelle.

In conclusione dobbiamo saper scegliere lo strumento giusto per il nostro soggetto e usarlo nel modo corretto.

L'IGIENE DEL CUCCIOLO
2-toelettatura

Articoli per la toelettatura del cane

L’igiene del cucciolo

Quando il cucciolo entra a far parte della nuova famiglia di solito non ha completato il ciclo di vaccinazione, quindi non può ancora fare il bagnetto.

Se è stato allevato in un ambiente sano e pulito, si può aspettare il momento giusto per il bagno (di solito alcuni giorni dopo l’ultimo vaccino), rinfrescandolo ogni tanto con apposite salviette detergenti che si trovano in commercio nei negozi specializzati.

Se il cucciolo è molto sporco, si può intervenire con specifico shampoo in polvere e spazzola, avendo cura di proteggere gli occhi.

pettinino pulci

Pettinino per togliere i parassiti

Se scopriamo un’infestazione da pulci, dobbiamo pettinarlo con la pettinina a denti stretti e trattarlo con un adeguato antiparassitario ma con un peso inferire a 2 Kg è meglio seguire i consigli del veterinario o del toelettatore di fiducia.

Una buona abitudine è di controllare spesso l’interno delle orecchie dei nostri cani che deve essere pulito, non emanare cattivi odori, e non presentare crescita di peli. Le orecchie si possono pulire con un panno morbido e con delicatezza, togliere i peli è una manovra più complessa che svolgerà il vostro toelettatore in pochi minuti.

Molti cani hanno bisogno di tenere controllata la crescita delle unghie, soprattutto quella dello sperone che può conficcarsi nel polpastrello, anche questo non è semplice da fare da soli ed è meglio affidarsi a personale specializzato.

Spazzolare e pettinare il vostro amico a quattro zampe dovrà essere un’azione quotidiana piacevole e gratificante che eviterà la formazione di fastidiosi nodi nei cani a pelo lungo, e l’accumularsi di soffocante sottopelo nei cani a pelo raso.

 

LA SISTEMAZIONE DEL CUCCIOLO IN CASA O IN GIARDINO
cuccia per cani di taglia grande

CUCCIA PER ESTERNO

 

Quando il cucciolo esce dall’allevamento è molto delicato ed è necessario avere alcuni accorgimenti per farlo crescere in buona salute.

Non può bagnarsi, ne prendere freddo, la sua cuccia deve essere situata in un ambiente asciutto, riparato dal vento e la temperatura non deve scendere sotto i 18 gradi e non superare i 25.

Se la vaccinazione non è completata è meglio non tenerlo insieme ad altri animali.

Attenzione ai piccioni, le tortore e le rondini che con le loro feci depositano parassiti intestinali molto pericolosi.

Per i nostri cuccioli di rottweiler come per tutti i cani di taglia grande, noi consigliamo di allestire una cuccia provvisoria in casa, fino a circa sei mesi per poi trasferirla in giardino scegliendo comunque un posto asciutto, riparato dal sole e dal vento.

Molti scelgono di tenerli in casa anche da adulti e questo è un vero piacere, perché il rottweiler adora dormire sul divano!

CUCCIA DA INTERNI

CUCCIA DA INTERNI

I cuccioli di chihuahua li affidiamo soltanto a chi si impegna ad organizzargli una piccola cuccia in casa,  questi piccolissimi cani soffrono molto il freddo e la solitudine, hanno bisogno di ambienti asciutti, morbidi e soleggiati.

IL CUCCIOLO ED I BAMBINI

cucciolo e bambino

L’argomento bambini è un punto molto delicato a cui va dedicato il tempo necessario.

I bambini, proprio perchè tali,  possono essere a volte fastidiosi ed invadenti e  proprio per questo  bisognerebbe tenerli sott’ occhio in maniera vigile e costante quando si trovano insieme a cani, sia che questi ultimi siano abituati o meno.

I cuccioli d’altro canto, sono altrettanto scatenati e incontenibili essendo essi stessi “bambini” ed alle volte si può formare un binomio cucciolo-bambino che può risultare alquanto distruttivo!

Un cucciolo preso da un allevamento serio e professionale sarà già stato abituato ,durante la sua fase più sensibile ( dalla 4 alla 7 settimana di vita), ai bambini ed a molti altri fattori facendo cosi di un cucciolo un cucciolo Equilibrato.

Il mio consiglio è di essere sempre presenti quando si lasciano cuccioli e bambini insieme al fine di evitare spiacevoli e deleterie incomprensioni che potrebbero avvenire fra i due “cuccioli”, bisognerebbe  anche cercare di evitare che accada l’opposto, ovvero che ci sia un attaccamento “morboso” del cane nei confronti del bambino perchè verrebbe a presentarsi una situazione che potrebbe rivelarsi pericolosa…(ad esempio il cane che ringhia o peggio ad ogni persona che si avvicina al bambino.)

Infatti il cane svilupperebbe una protezione eccessiva e per la maggior parte delle volte inutile, si creerebbe una sorta di possessione da parte del cane con conseguente iper attaccamento, è bene quindi che siate voi a regolare questa interazione sociale molto delicata e favorire il corretto sviluppo dei due cuccioli.

Dal momento che il bambino o i bambini cresceranno è importantissimo educarli al cane cioè far capire bene loro di cosa si tratta e come bisogna comportarsi in loro presenza. Va chiarito fin da subito che il cane NON è un giocattolo…il genitore dovrebbe favorire  un corretto approccio tra bambino e cane,in modo da stabilire in maniera chiara i ruoli.

E’ un processo che necessita di attenzione e perseveranza per fare soprattutto abituare i bambini ad i cani, e mi sento di consigliare di  evitare in particolar modo approcci diretti e frenetici …ci vuole il tempo necessario ed in alcuni casi anche di più. Il bambino ha i suoi tempi…ed il cucciolo pure…sta al genitore educare entrambi al rispetto reciproco..:)

cucciolo e bambino 4

 

OFELIA E CUCCIOLI SETTEMBRE 2

OFELIA CON I SUOI CUCCIOLI

SEGUICI SU FACEBOOK

News Letter

Inviaci la tua e-mail sarai aggiornato su tutti gli eventi dell'allevamento
Cani
Share This